White Noise

Un rumore costante, che impedisce ad altri suoni di invadere la nostra percezione uditiva; È a partire da questo vuoto che, se osservato a lungo, i nostri sensi possono attivarsi, sino a indurre l’emersione di immagini provenienti dall’inconscio.

Shapeshifting

Myvanwy Gibson, Avialan, 2018, pittura digitale, stampa a pigmenti su carta di bambù Hahnemühle su Dibond, 150x100 cm
Myvanwy Gibson recepisce la fluidità del mondo contemporaneo, i radicali cambiamenti a cui è costantemente sottoposto, persino le contraddizioni più profonde. Le sue opere sono il riflesso di una mutazione continua, divenuta sistemica

La Via dell’Ambra. Reloading

Valentinaki Scultura Post-Plastic-Fauna, 2020
Gemma irrequieta, del colore del sole, dalle tipiche striature dorate, l’ambra è in grado di custodire al suo interno ossigeno, microrganismi, piccole piante o insetti. In altre parole, racchiude in sé minuscoli frammenti di un mondo passato e ormai perduto.
Luca Matti, Rubber jungle #3, 2021, camera d’aria, tubi polietilene, legno e materiali vari, 210,5x211,5x30 cm

Dalla terra alla luna

Dalla terra alla luna radicalizza lo sguardo di Luca Matti sulla città. Non più e non solo la selva di edifici irrompe dalle sue tele; ora l’intero ecosistema appare aggredito dalla presenza umana. Una natura mutata, ormai divenuta sintetica, emerge rigogliosa dalle giungle dipinte a bitume o scolpite nelle camere d’aria.

Terreni contaminati

Dopo due anni di ricerca, l’artista livornese torna in mostra con tredici dipinti a olio su tela di piccolo e grande formato. Il ciclo di opere esposte è legato al suo soggiorno in Toscana durante il periodo del lockdown italiano, dove il contatto diretto con il paesaggio natio, vissuto in una solitudine forzata e meditativa, ha dato vita ad un nuovo incipit della sua ricerca artistica.
Isabella Nazzarri, Eden, 2020

Pitture Necessarie

Dopo due anni di ricerca, l’artista livornese torna in mostra con tredici dipinti a olio su tela di piccolo e grande formato. Il ciclo di opere esposte è legato al suo soggiorno in Toscana durante il periodo del lockdown italiano, dove il contatto diretto con il paesaggio natio, vissuto in una solitudine forzata e meditativa, ha dato vita ad un nuovo incipit della sua ricerca artistica.
Valentinaki, Post-Plastik-Fauna XII, 2020, resina, conchiglia d'ostrica, cotton fioc, filo per ricamo su tela, 54x44 cm

Valentinaki

Valentinaki crea elementi zoomorfi che rievocano organismi primitivi, anche grazie all’intrusione nelle sue composizioni di valve di conchiglia d’ostrica

Lolita Timofeeva

Per mezzo di un personale linguaggio pittorico associato all’installazione, si pone alla ricerca delle immagini più antiche della cultura visiva e dell’arte popolare lettone.

Giulio Zanet

Giulio Zanet, impossibilitato a raggiungere lo studio (e di conseguenza i consueti strumenti di lavoro) a causa del lockdown, ha elaborato in quel periodo stratificazioni digitali dalle forme aperte e sciolte
Leonardo Moretti, Cell, 2020

Leonardo Moretti

Durante il lockdown Leonardo Moretti ha annodato tra loro due linee di ricerca, entrambe riconducibili a ciò che lui stesso definisce “riproducibilità fallimentare”
Federico Montaresi, Non c'è più tempo, 2020

Federico Montaresi

Il linguaggio artistico di Federico Montaresi è debitore dei modelli spazio-temporali studiati dall’astrofisica, dalla fisica quantistica e dall’integrazione di tali modelli con la sensibilità umana.